Ordine giornalisti Marche ribadisce applicazione Carta di Treviso nei fatti drammatici di Corinaldo

Pubblichiamo e condividiamo il comunicato firmato dal presidente dell’Ordine dei giornalisti delle Marche Franco Elisei, inviato alle redazioni marchigiane, relativo ai fatti drammatici di Corinaldo e al rispetto delle regole deontologiche.

 

L’Ordine dei giornalisti delle Marche in merito ai tragici fatti accaduti alla “Lanterna azzurra” di Corinaldo, in provincia di Ancona, esprime profonda vicinanza al dolore delle famiglie così duramente e drammaticamente colpite.
E richiama con fermezza i responsabili delle testate radio-televisive, mainstream e multimediali della nostra regione al rispetto delle norme deontologiche previste dalla Carta di Treviso per i fatti di cronaca che vedono coinvolti minorenni. Siano essi anche testi, non solo autori o vittime.
Al minorenne coinvolto in qualunque veste, non va fatto rivivere mediaticamente il dramma che ha appena affrontato. Non è sufficiente l’oscuramento del volto o indicarlo solo con un nome. In questo caso, la carta deontologica è chiarissima: va tutelato lo sviluppo della sua personalità senza alcuna ricaduta negativa, soprattutto mediatica. E prevede quindi che microfoni o taccuini siano rispettosi del momento che sta vivendo. L’interesse del minorenne è superiore a qualsiasi “caccia” al testimone.”
Il presidente dell’Ordine dei giornalisti delle Marche
Franco Elisei

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments