Cosmari: piantumazioni per mitigare la presenza degli impianti

L'accordo è stato raggiunto tra i presidenti del Cosmari, Marco Graziano Ciurlanti, e della Fondazione Giustiniani Bandini, Giuseppe Sposetti, Ente gestore della Riserva Naturale Abbadia di Fiastra

Nei giorni scorsi, il presidente dell’Azienda Cosmari srl, Marco Graziano Ciurlanti, e il presidente della Fondazione Giustiniani Bandini, Giuseppe Sposetti, Ente gestore della Riserva Naturale Abbadia di Fiastra, hanno sottoscritto un contratto d’affitto per il terreno, di proprietà della Fondazione, posto sul lato ovest dell’insediamento industriale Cosmari dove verrà realizzata la piantumazione di specie arboree autoctone per la mitigazione dell’impatto ambientale. Il raggiungimento dell’accordo rappresenta un primo punto di arrivo della condivisione di vari argomenti trattati nel corso di numerosi incontri tra i vertici del consiglio di amministrazione del Cosmari e quelli della Fondazione Giustiniani Bandini.

consorzioSi ringrazia anche la Provincia di Macerata per la collaborazione dimostrata nel cercare di risolvere al meglio le diverse questioni che in passato avevano ingenerato un’evidente spaccatura nel dialogo tra i predetti interlocutori, tutti portatori di significativi interessi collettivi. Le aree interessate dall’attuale contratto sono espressamente destinate e vincolate alla messa a dimora di piante, da parte di Cosmari, che sarà tenuto ad adempiere a proprie spese secondo le prescrizioni impartite dalla Provincia. Il contratto di affitto del fondo rustico avrà durata quindicennale, alla scadenza del contratto il Cosmari non avrà nulla a pretendere dalla Fondazione per la piantumazione realizzata, anche se quest’ultima s’impegna a mantenere a proprie spese tali opere di mitigazione ambientale per i successivi 15 anni, dunque fino al 2046.

Entrambi i presidenti, Sposetti e Ciurlanti, hanno espresso viva soddisfazione per il risultato raggiunto e per l’inizio di un’importante collaborazione che potenzia l’attenzione verso l’ambiente circostante alle due realtà, ruolo a cui la Fondazione è deputata per costituzione alla base di un sano e trasparente rapporto con i cittadini, a cui l’Azienda leader sul territorio intende improntare la propria gestione, mantenendo alta l’attenzione alle nuove tecnologie, incentivando il proprio ruolo di protagonista all’interno del circuito della green economy.

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments