“Cinelinguaggi”: a Recanati la rassegna dell’audiovisivo

Tre appuntamenti promossi da "Lo Specchio" e dal Circolo di Lettura e Conversazione curati dal professor Claudio Gaetani

C’è chi le chiama contaminazioni e chi invece si affida al concetto più articolato di crossmedialità. Al centro, occhio dinamico che scruta nel rapporto tra parola e immagine, quell’unico grande “oceano” rappresentato dal linguaggio audiovisivo. Catalizzatori di queste emozioni, che non esulano, tuttavia, dalla tecnica, il Circolo culturale “Lo Specchio”, il Circolo di Lettura e Conversazione di Recanati e un direttore artistico d’eccezione, il docente di Linguaggio cinematografico dell’Università di Macerata, già autore di diversi volumi dedicati alla storia della settima arte, oltre che regista, con lo pseudonimo “Never29, e fotografo, Claudio Gaetani.

Claudio Gaetani
Claudio Gaetani

Dimentichiamo, perciò, l’iter usuale d’ogni cineforum: nella città leopardiana, grazie a tre appuntamenti, andranno in scena «storie diverse da mondi diversi», come spiegano gli organizzatori, così da «esplorare l’interrelazione tra il cinema e le altre forme espressive e mediatiche». «La nostra idea è quella di creare più rassegne, partendo da questa che abbiamo chiamato “Cinelinguaggi” – ha affermato il professor Gaetani -, questa prima serie è nata dall’idea di voler riflettere su cosa sia realmente oggi la comunicazione audiovisiva, la quale ingloba la televisione, il computer, la videomusica e la videoarte in genere. I film scelti, dunque, sono degli ottimi alibi per affrontare questa tematica».

Cine.Web.A4I tre film proiettati al Circolo di Lettura di Recanati saranno “Redacted” di Brian De Palma, «che consentirà di riflettere sull’interazione tra diversi media», ha spiegato ancora il direttore artistico della rassegna; mentre la settimana seguente, il 14 aprile, si proseguirà con il “Diabolik” di Mario Bava, «classico esempio di cinefumetto che condurrà la discussione su cosa sia l’immaginazione e come questa si relazioni con l’immaginazione». Infine, il 28 aprile, “Cinevisioni” terminerà con l’opera di Jonathan Demme, regista de “Il sesto senso” e “Philadelphia”, che ripercorre il famoso concerto dei Talking Heads: il rockumentary “Stop Making Sense”. Tutti gli eventi si svolgeranno alle 21.30 e saranno anticipate dall’analisi-confronto con il pubblico di Gaetani.

Per informazioni e prenotazioni è possibile chiamare al numero di telefono 388 4907666 o scrivere all’indirizzo mail: info@associazionelospecchio.it.

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments