La “mamma” ha iniziato la visita di ringraziamento ai suoi figli, già pellegrini alla porta santa della Basilica della Madonna della Misericordia e protagonisti della sua accoglienza nelle varie parrocchie.

Nel pomeriggio di sabato 2 aprile a bordo di un minibus, guidato da don Giuseppe Branchesi e in compagnia del vescovo Nazzareno Marconi, il quadro della Mater Misericordiae ha raggiunto il comune di Appignano. Nella piazza cittadina un bel gruppo di fedeli, il Sindaco Osvaldo Messi, il Parroco don Natale, la Banda cittadina e i religiosi di Forano hanno atteso l’arrivo del quadro che puntuale è arrivato da loro alle 19.30.

Un applauso è stato il primo saluto in segno di benvenuto. Poi, la musica festosa per lei e per tutti seguita dalla preghiera e dalle parole del Vescovo.

Il quadro è stato portato nella Sala Consiliare del Comune, dove monsignor Marconi ha impartito la benedizione della sede del municipio. Nel saluto da parte del Sindaco un particolare pensiero è andato al mondo giovanile e a quanti sono in difficoltà augurando poi l’impegno nel servire al meglio il bene comune della popolazione, invitando tutti alla collaborazione per un cammino civile e religioso del Comune. Infine Messi ha ringraziato il vescovo per avere iscritto una “nuova cittadina” nel suo comune, la Madonna. A lei è stata rivolta la richiesta di aiuto e protezione per una vita serena, in particolare per le famiglie e per i giovani.

In processione ci si è recati alla chiesa parrocchiale accompagnati da un bel clima di preghiera. Il vescovo ha invitato tutti ad ammirare il bel quadro che mostra Maria attenta a proteggere il popolo nella sua storia di salvezza nella sequela coraggiosa del Figlio Cristo Gesù.

Ieri sera, lunedì 4 aprile, dopo la messa concelebrata da don Giuseppe Branchesi, don Roberto Peccetti e don Natalino Vura, un sacerdote dell’Uganda, un piccolo corteo ha accompagnato il quadro nella parrocchia di S. Maria in Selva dove ha ricevuto una festosa accoglienza. Nel dopo cena don Giuseppe Ortenzi ha guidato il rosario meditato in compagnia di un gruppo di fedeli.

Oggi, martedì 5 aprile, è previsto l’incontro con la Mater da parte degli anziani, dei malati e dei ragazzi della parrocchia. Mentre in serata verrà trasportata nella chiesa di Camporota. Poi sarà il turno di Chiesanuova, Grottaccia, del convento di Forano e infine farà ritorno nella chiesa parrocchiale di Appignano dove sabato 9 aprile alle ore 18 ci sarà la celebrazione liturgica presieduta dal vescovo, alla presenza dei sindaci di Appignano e Treia, prossimo comune ad ospitare la peregrinatio.

Come sempre, la grande devozione popolare a Maria attira tante persone che vivono l’evento con grande coinvolgimento, così il cammino del nostro giubileo diocesano continua, guidato dall’abbraccio della Madre di Misericordia.

Leggi tutto il programma che coinvolgerà le 20 unità pastorali e i 13 comuni della Diocesi.

Peregrinatio Mariae: L’arrivo Ad Appignano

Flickr Album Gallery Powered By: WP Frank

 

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments