Fa discutere il nuovo piano dei parcheggi

A Tolentino i commercianti chiedono più posti gratuiti per i parcheggi al fine di non scoraggiare gli acquirenti, anche se la scelta dell’Amministrazione comunale di vietare la sosta in piazza della Libertà è stata generalmente apprezzata. I commercianti, tuttavia, vorrebbero avere il 50% dei parcheggi non a pagamento.

«Non si può passare da 50 posti a 9, perché se vengono eliminati tutti i posti le attività commerciali ne risentono». Queste sono alcune reazioni alla presentazione del nuovo piano dei parcheggi che prevede al suo interno anche la sistemazione di alcune piazze e vie del centro storico. Infatti prima delle festività pasquali il sindaco, Giuseppe Pezzanesi, aveva illustrato i ragionamenti fatti per giungere alla definizione di una nuova progettazione dei parcheggi, della viabilità, dell’organizzazione degli spazi di sosta, all’interno del centro storico, sempre partendo dalla situazione esistente e tenendo conto delle esigenze dei residenti, di chi lavora o ha attività nel centro e di chi lo frequenta abitualmente.

L’intenzione è quella di fare un bando di gara per la gestione di tutti i parcheggi di Tolentino con una concessione per la durata di 25 anni, prevedendo al suo interno lavori per circa 2 milioni di euro e la salvaguardia dei posti di lavoro degli attuali addetti al controllo e l’eventuale assunzione di altro personale necessario al buon funzionamento delle strutture di sosta.

Partendo dai parcheggi di cintura, il sindaco aveva proposto per il parcheggio di via Filzi una nuova riorganizzazione degli spazi e un ampliamento che sarà poco impattante, realizzando anche una nuova rampa più agevole per l’uscita delle autovetture. Invece il parcheggio di via Matteotti sarà completamente ristrutturato e anche in questo caso verranno ridisegnati tutti gli spazi di sosta. Nel piano superiore, in accordo con la Provincia di Macerata, verrà realizzata la nuova palestra a servizio degli istituti superiori i quali saranno facilmente collegati con un nuovo percorso pedonale. La palestra sarà realizzata utilizzando prevalentemente legno e oltre che per gli studenti sarà a disposizione delle associazioni cittadine.

Restyling anche per viale Matteotti con la messa in sicurezza dell’asse viario, la sistemazione del tratto di marciapiede danneggiato, la leggera riduzione degli ampi marciapiedi per ripristinare il doppio senso di marcia come richiesto da tanti cittadini. Verranno mantenuti i parcheggi laterali al viale e sarà installato un nuovo impianto di illuminazione pubblica.

Sarà realizzato anche un nuovo parcheggio a raso (a pagamento) nell’area di fianco alla Concattedrale di San Catervo con accesso da metà via Battisti, l’attuale ingresso verrà riservato al seminario vescovile. Questo nuovo parcheggio è certamente strategico per la sua vicinanza al centro e soprattutto in previsione dello spostamento di molti uffici comunali come l’URP, l’Anagrafe, l’Ufficio Tecnico, oltre al già presente ufficio Urbanistica e Suap, a Palazzo Europa che realizza la sua vocazione di centro direzionale. Il parcheggio prevede collegamenti preferenziali con le vie vicine per ridurre le distanze con piazza della Libertà e piazzale Europa.

Per quanto riguarda i parcheggi la prima mezz’ora sarà gratuita in tutti gli stalli di sosta e che le tariffe orarie varieranno, in base alla zona, da un minimo di 50 centesimi ad un massimo di 1 euro e 20. I residenti nel centro storico avranno un abbonamento gratuito per la prima auto e pagheranno tariffe agevolate per le altre autovetture possedute, 200 euro annui o 20 euro mensili.

A questo punto l’opposizione ha chiesto di chiarire perché i parcheggi non possono essere gestiti dall’Assm (come è attualmente), come sottolineato da Marco Romagnoli: «Tutti i posti auto che si trovano all’interno delle mura cittadine e nei parcheggi limitrofi diverranno a pagamento. Cesseranno, pertanto, di essere gratuiti anche i parcheggi Filzi, Matteotti e Foro Boario. Gli stalli a pagamento passeranno dagli attuali 400/500 a 1300/1400. Si stima in 15/20 milioni di euro il ricavo che il futuro gestore dei parcheggi introiterà in 25 anni.

I parcheggi verranno difatti appaltati a soggetto esterno per 25 anni ed il bando prevederà dei lavori a carico del concessionario per complessivi 2 milioni di euro circa. Il Sindaco afferma che saranno investimenti a favore della città, in realtà si tratta (almeno in gran parte) di un investimento che il concessionario metterà in essere al fine di poter disporre di più spazi a pagamento.

I 2 milioni saranno infatti spesi per: raddoppio del parcheggio Filzi (all’interno del quale la sosta sarà tutta a pagamento); realizzazione di un nuovo parcheggio (tutto a pagamento) nel cortile di San Catervo; sistemazione del parcheggio chiuso Matteotti (tutto a pagamento); sistemazione di viale Matteotti con doppio senso e corsia parcheggio (tutta a pagamento); sistemazione di via Filelfo e piazza Mauruzi con la sistemazione dei parcheggi di Via Roma e Corso Garibaldi (entrambi tutti a pagamento)…

Se per la Giunta è giusto ampliare il numero dei parcheggi a pagamento, cosa su cui siamo fortemente contrari, quanto meno la gestione degli stessi dovrebbe restare a Tolentino. Così come in favore dei tolentinati dovrebbero essere spesi gli utili provenienti dalla gestione del nuovo piano parcheggi. Per tale motivo riteniamo che debba essere l’ASSM e non qualcuno chiamato da lontano a gestire il tutto».

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments