Un nuovo, interessante appuntamento culturale attende Recanati, grazie all’impegno dell’Università di Istruzione Permanente intitolata al compianto «Don Giovanni Simonetti».

Presso la sala ex Granaio di Villa Colloredo Mels, giovedì 28 aprile alle ore 17.30, a conclusione del corso «I beni culturali del territorio: la chiesa e il convento di Sant’Agostino», sarà ospite in città padre Mario Mattei, che relazionerà sul tema «Gli Agostiniani a Recanati». Porteranno i saluti istituzionali il sindaco di Recanati Francesco Fiordomo e l’assessore alle Culture e all’Istruzione Rita Soccio.

padre_mario_mattei
L’agostiniano padre Mario Mattei

Nato a Secchiano in Valmarecchia nel 1947, il frate agostiniano Mattei giunge a Recanati nel 1977, dove insegna Religione per otto anni all’Istituto Tecnico industriale. Nella città leopardiana, dove conquista subito le simpatie dei giovani, tra cui ha largo seguito, dà inoltre vita al Centro culturale «Charles Peguy»: è inoltre lui, nel 1982, ad accogliere don Luigi Giussani, fondatore del movimento di Comunione e Liberazione.

 

Padre Mario Mattei si sposta per altri otto anni ad insegnare in Ancona, per poi trasferirsi a Bologna, dove rimane venti anni.

Cappella-Sistina-inaugurazioneDal 2003 viene inviato dal Padre Superiore Agostiniano in Vaticano a ricoprire, per cinque anni, la carica di Sagrestano del Papa: si tratta di un ruolo del tutto prestigioso, assegnato agli agostiniani sin dal 1352. In questa veste, l’agostiniano era infatti custode delle dei “beni sacri” del Pontefice, come il tesoro papale e tutte le cappelle private, tra cui la Sistina. Come Sagrestano, inoltre, spettava a lui il compito di predisporre il vestiario del Santo Padre prima di ogni Messa, riponendo inoltre il Santissimo Sacramento durante le celebrazioni nella Basilica di San Pietro.

 
Terminato il mandato a Roma nel 2008, attualmente il religioso continua i suoi studi di storico agostiniano nel Cenobio agostiniano della SS.ma Trinità di Viterbo, del quale è priore: lì prosegue la sua instancabile attività di ricercatore, nell’immensa biblioteca che custodisce tutti i documenti della storia dell’ordine degli Agostiniani.

«Alla luce della sua feconda esperienza – spiega Aurora Mogetta, rettore dell’Università di Istruzione Permanente – nel suo intervento padre Mattei illustrerà pertanto la storia degli Agostiniani a Recanati, dal loro arrivo, nel 1200, fino al 1986.

Listener[2]

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments