Con questo primo contributo Emmausonline inaugura un piccolo percorso educativo legato al contesto delle nostre parrocchie e delle realtà del catechismo in cui, con dedizione e responsabilità, sono impegnati molti volontari che, nelle varie Unità Pastorali della diocesi, mettono a disposizione il proprio tempo per la preparazione ai primi Sacramenti e per la crescita nella fede di bambini e ragazzi.

 

«È stato un anno strepitoso. Sono pronta a continuare il percorso post cresima anche se solo uno dei ragazzi vorrà proseguire con me». Laura Bolognesi ha appena guidato il corso di catechesi di ben 35 cresimandi alla parrocchia del SS Sacramento di Macerata (con la collaborazione di Donatella Del Medico e Lucia Mancinelli): il 1° maggio questi ragazzi riceveranno il sacramento della Confermazione per l’imposizione delle mani del Vescovo, monsignor Nazzareno Marconi.

innovazioneQuando parla dei “suoi” ragazzi le si illuminano gli occhi, si emoziona, sorride, ha parole solo di apprezzamento. Già questo suo modo di porsi la rende una catechista sui generis. Perché in realtà questi giovani – tutti tra i 14 e i 15 anni – nel pieno dell’adolescenza, non sono facili da accompagnare in un percorso di fede. Ma non importa.

«A me interessa il ragazzo, ognuno con la sua storia, anche nella sua eccessiva vivacità, è un essere che va amato. Come catechista per me è importante testimoniare la grande gioia che ho dentro. Le domande che pongo ai ragazzi me le pongo anch’io, ho scoperto che Dio è la mia gioia e cerco di testimoniarlo».

La catechista Laura Bolognesi
La catechista Laura Bolognesi, intervistata da Radio Nuova Macerata InBlu

Per creare un interesse in questi giovani Laura, che di professione fa l’assistente sociale, ha provato a calarsi nella loro realtà, ricercando un linguaggio più consono: «Abbiamo utilizzato strumenti vicini ai ragazzi per arrivare a parlare del dono dello Spirito Santo. Siamo partiti dalle canzoni di Marco Mengoni, dal brano Meraviglioso dei Negramaro con cui ho fatto una catechesi. In questo percorso mi hanno seguita». Di più: «Per far socializzare il gruppo delle ragazze della terza media, le ho invitate a casa mia ed insieme abbiamo cucinato la cena, è stato molto divertente e loro hanno gradito». Confortante è comunque il continuo apporto del parroco, padre Dino Mascioni e, in occasione della giornata di ritiro, quello di don Emanuele Marconi che ha saputo “connettersi” con i cresimandi.

La parrocchia maceratese del SS Sacramento
La parrocchia maceratese del SS Sacramento

Dunque, tanta passione da trasmettere, ma per arrivare a ciò ci vuole preparazione. Il catechista non è un semplice volontario, è una persona che ha bisogno di formarsi di continuo e di confrontarsi con il parroco di riferimento. «Da sempre vivo le esperienze in parrocchia, da ragazza sono stata animatrice ed educatrice; a 40 anni, e per 5 anni, ho anche vissuto l’esperienza dello scoutismo, un po’ tardi, ma è stata molto formativa. Il catechista non può rimanere solo in questo ruolo, il parroco deve dare supporto. Sarei felice se il vescovo radunasse periodicamente i catechisti per un incontro, una giornata formativa, ma anche per conoscersi». Laura ha fatto sua una frase del Pontefice. «In un mondo così virtuale i ragazzi hanno bisogno di persone autentiche, credibili. C’è una frase di papa Francesco in cui mi ritrovo: «Bisogna credere ed essere credibili, nei comportamenti».

«C’è una frase di papa Francesco in cui mi ritrovo: “Bisogna credere ed essere credibili, nei comportamenti”», afferma l’educatrice Laura Bolognesi

Dall’esperienza con i cresimandi Laura afferma: «Ho una grande ammirazione per i ragazzi di oggi, materialmente hanno tutto, ma non hanno la risposta ai perchè. Li vediamo sfrontati, in realtà hanno bisogno di amore e hanno paura di essere esclusi. Quando si parla di amore si vive in un posto accogliente, la parrocchia deve essere così sennò i giovani non la sentono. Non sono meno interessati di quelli dell’epoca mia alla fede, però non hanno un’educazione familiare alla fede».

Una testimonianza indubbiamente preziosa, che offre ai genitori materiale su cui riflettere.

help-ragazzi-abbracciati

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments