Quanto è inquinata l’aria delle nostre città? Come le aree urbane possono contribuire a combattere i cambiamenti climatici? L’Italia è pronta alla sfida per ridisegnare le nostre città a favore di una nuova mobilità elettrica, leggera, condivisa? Sono questi i temi al centro della nuova edizione del Treno Verde, la campagna di Legambiente e del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane, con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e Tutela del Territorio e del Mare, che giovedì 14 marzo sosterà a Civitanova Marche (Macerata) per la settima tappa di un tour che si concluderà ad aprile a Milano, per promuovere un futuro con mobilità a zero emissioni, ridurre l’inquinamento (secondo il principio europeo “chi inquina paga”), puntare sull’intermodalità e sull’elettrico, a partire dai trasporti pubblici e la sharing mobility.

Il Treno Verde sarà aperto già dalle 8.30 di giovedì 14 marzo, con la visita a bordo degli studenti e delle studentesse di Civitanova. Alle 11 il taglio del nastro, cui parteciperanno Fabrizio Ciarapica, sindaco della città adriatica, Francesca Pulcini, presidente di Legambiente Marche, Simone Nuglio, portavoce del Treno Verde, Maurizio Mangialardi, presidente ANCI Marche, Giancarlo Marchetti, direttore Arpa Marche, Riccardo Petrilli, presidente della startup iDeliverit e Carlo Degano del consorzio Ecopneus. A seguire verranno presentate le buone pratiche della mobilità sostenibile nelle Marche, in un incontro condotto da Marcella Cuomo, del direttivo di Legambiente Marche.

Nel pomeriggio, la quarta carrozza ospiterà “Pillole di eco e logico”, con interventi di Leonardo Marotta e Richard Dernowsky. Il primo giorno a bordo del Treno Verde si concluderà con un incontro pubblico dedicato a Villa Eugenia e al tema della gestione dei beni pubblici urbani.

Quest’anno il Treno Verde a Civitanova ospiterà un sportello di ascolto, assistenza e informazione ai cittadini alle prese con il forte aumento delle tariffe dell’acqua pubblica, votate all’unanimità dai Sindaci e loro Delegati presenti all’Assemblea dei Sindaci di ATO3.

Durante l’apertura dello sportello, che resterà attivo per i tre pomeriggi a partire dalle 15.30 fino alle 18, saranno promossi degli incontri con i rappresentanti del consiglio comunale, con le associazioni dei consumatori e con la stampa relativamente alla questione tariffe, risparmio idrico e depuratore, con l’obiettivo di informare e indicare le modalità per gli eventuali ricorsi come previsti dalla Carta dei Servizi dell’ATO3.

Per responsabilizzare e informare i cittadini sul problema dell’inquinamento atmosferico, come di consueto ad accompagnare il viaggio del Treno Verde ci sarà uno speciale monitoraggio scientifico per misurare le polveri sottili (PM1, PM2.5 e PM10) e i flussi di traffico nelle città, anche grazie al progetto di Legambiente Volontari per Natura sulla citizen science (il contributo dei cittadini alla misurazione del livello di inquinamento e alla definizione delle soluzioni). La presentazione del monitoraggio sulla qualità dei dati in Toscana sarà l’oggetto della conferenza stampa di sabato mattina a bordo del Treno Verde, sui binari della stazione di Civitanova.

Cittadini e studenti, come sempre, potranno salire a bordo per visitare la mostra didattica e interattiva, allestita all’interno delle quattro carrozze, che permetterà di toccare con mano le sfide che abbiamo di fronte per segnare la fine dell’era delle fonti fossili e per dare una risposta efficace alla drammaticità dei mutamenti climatici. La mostra, il cui ingresso è gratuito, sarà visitabile nella tre giorni marchigiana.

Nella prima carrozza saranno approfonditi i rischi dell’inquinamento atmosferico e acustico, ma anche come i trasporti incidono sulle nostre vite e sul clima. Nella seconda carrozza, invece, saranno esplorate soluzioni innovative a zero emissioni ed intermodalità con le buone pratiche delle città italiane ed estere. Sempre in questa carrozza sarà presente Play Mobility, il progetto educativo del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane a disposizione di tutte le classi che visiteranno il Treno Verde. La terza carrozza del convoglio è, invece, tutta dedicata alla filiera del recupero e riciclo dei Pneumatici Fuori Uso (PFU) di Ecopneus, partner principale del Treno Verde. Infine, nella quarta carrozza – dove anche quest’anno saranno ospitate conferenze, dibattiti e laboratori – sarà possibile riflettere su come promuovere questo cambiamento in prima persona, attraverso la sharing mobility e le buone pratiche di condivisione della mobilità.

Tra i partner sostenitori che accompagnano il viaggio del treno nel suo viaggio fino a Milano c’è Valorizza, un brand di SMA e GemmLab, creato per intraprendere le sfide future del Paese come valorizzazione e salvaguardia del patrimonio ambientale culturale e turistico, sostenibilità ambientale e inclusione sociale. Valorizza offre un supporto tecnico necessario per la realizzazione di progetti di rivalutazione e salvaguardia dei Beni Ambientali e Culturali, progetti per la realizzazione di Smart City, redazione di strumenti di pianificazione (PAES/PCIL/PAT/PUMS), campagne di monitoraggio e partecipazione dei cittadini. SMA è una società operante nel settore della Green Economy e della Smart Specialization, dall’analisi degli impatti, fino allo sviluppo di soluzioni integrate mirate alla sostenibilità e alla digitalizzazione. Gemmlab è nata nel 2007, e ha maturato negli anni professionalità e competenze nel settore della geomatica. Utilizza metodologie d’analisi al fine di realizzare modelli organizzativi all’avanguardia.

A bordo ci saranno inoltre le migliori esperienze italiane impegnate sul fronte della sostenibilità ambientale, oltre al partner principale Ecopneus, ai partner sostenitori EnelX e Ricrea sarà presente, insieme a Valorizza, gli altri partner Bosch, Iterchimica e Montello; i partner tecnici Con.Tec, Ecoplus, 100% Campania – Formaperta e le esperienze dei partner start up Lime e Movecoin. Media partner del tour del convoglio ambientalista sono la Nuova Ecologia e QualEnergia. Gli allestimenti delle carrozze sono stati curati, invece, dall’Accademia delle Arti e nuove tecnologie di Roma.

Il programma completo della tappa marchigiana su trenoverde.it

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments