Nell’ambito della II Settimana di Eccellenza dedicata al tema Inclusione e promozione sociale nel sistema formativo e organizzata dal Dipartimento di Scienze della Formazione, dei Beni Culturali e del Turismo dell’Università degli Studi di Macerata, il Museo della scuola di Unimc “Paolo e Ornella Ricca” ha organizzato l’interessante mostra “Leggere, scrivere e far di conto”, che resta aperta tutti i giorni dal 1 al 14 aprile dalle 10 alle 12.30 e dalle 15 alle 18.30.

L’inaugurazione ha avuto luogo il 1° aprile alle 17, alla presenza del Magnifico Rettore dell’ateneo maceratese, prof. Francesco Adornato, del Direttore del Dipartimento di Scienze della Formazione, dei Beni Culturali e del Turismo di Unimc, prof.ssa Lorella Giannandrea e della direttrice del Museo della Scuola «Paolo e Ornella Ricca», prof.ssa Anna Ascenzi.

L’esposizione è incentrata sulla storia delle scuole elementari italiane dall’Unità al secondo dopoguerra e  – grazie alla bellissima collezione privata accumulata in trent’anni dall’antiquario Egidio Guidolin – offre un variopinto mondo fatto di quaderni, abecedari, sussidiari, pannelli con documenti d’epoca, banchi, lavagne, pennini, inchiostri e altri materiali rari se non introvabili, in grado di rappresentare una emozionante esperienza visiva e di memoria per adulti e bambini, consentendo la ricostruzione di un secolo di vita sui banchi di scuola e dando molta importanza alla contestualizzazione dei materiali esposti.

L’iniziativa si colloca all’interno delle attività didattiche di alta qualificazione promosse dal Dipartimento di Scienze della Formazione di Unimc nel quinquennio 2018-2022 nell’ambito del Progetto «3i4u – Innovazione, Internazionalizzazione, Inclusione per l’Università», finanziato nell’ambito del programma per i Dipartimenti universitari di eccellenza. In tale ottica, dal 1° al 5 aprile presso il Polo Bertelli, in contrada Vallebona, e il Museo della scuola “Paolo e Ornella Ricca”, si sono tenute una fitta serie di interessanti e importanti iniziative, fra cui un Laboratorio di alta specializzazione in storia dell’educazione, seminari tenuti da docenti internazionali (provenienti da Paesi Baschi, Armenia e Francia) e in particolare il Convegno di studi «Inclusione e promozione sociale nel sistema formativo italiano dall’Unità ad oggi», che ha visto la partecipazione di docenti di Unimc e di studiosi provenienti da tutta Italia in un’ottica di confronto e collaborazione.

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments