Pallavolo Macerata, il vice presidente Tittarelli: “Chiudiamo la stagione a testa alta”

“Ci prepariamo a disputare nel prossimo anno il nuovo campionato di A3. Ci tenevamo a rimanere nella categoria ma bisogna pure dire che in quest’annata con la riforma dei campionati era complicato poter ottenere la salvezza"

“Chiudiamo la stagione a testa alta, questo è sicuro”. Il vice presidente della Pallavolo Macerata Gianluca Tittarelli traccia un bilancio a fine campionato, con la prima squadra che ai quarti di finale play off contro Lagonegro ha chiuso la sua esperienza in questa stagione agonistica. “Ci prepariamo a disputare nel prossimo anno il nuovo campionato di A3. Ci tenevamo a rimanere nella categoria ma bisogna pure dire che in quest’annata con la riforma dei campionati era complicato poter ottenere la salvezza. Certo qualche rammarico lo abbiamo per come sono andate alcune cose nel corso della stagione ma maggiori sono comunque le soddisfazioni per una società che si è affacciata per la prima volta nella sua storia nel mondo della serie A.

Un ringraziamento a tutti i miei collaboratori che hanno garantito un apporto appassionato, professionale ed hanno contribuito al buon funzionamento della macchina organizzativa e ai tecnici che si sono spesi fino alla fine per garantire il massimo risultato possibile. Non dimentico nemmeno lo staff medico che ci ha accompagnato con dedizione e precisione durante l’anno. in definitiva sono sicuramente soddisfatto di questo percorso di crescita della società. Si, perché la società è cresciuta nel corso di questa nuova esperienza, molto complessa e articolata come è stata quella della serie A. Da qui a breve ci riuniremo per gettare le basi per la prossima stagione, cercando di analizzare con calma tutto quello che ci aspetta. Un motivo d’orgoglio arriva dalle altre belle realtà biancoverdi che hanno affiancato la prima squadra in questa stagione agonistica biancoverde: “La Serie C, la Prima Divisione e tutto il reparto giovanile stanno facendo bene e complessivamente non possiamo che essere soddisfatti del lavoro svolto”.

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments