Il Servizio Civile in Caritas di Francesco: «Crescere dal punto di vista culturale e sociale»

Ciao a tutti, sono Francesco Vigilante, sono nato a Macerata il 12 Marzo 1994 ed abito a Sforzacosta, una frazione vicino Macerata. Prima del Servizio Civile, per cinque anni, ho fatto diverse esperienze lavorative.

Ho saputo del Servizio Civile tramite il mio parroco e quindi, dal momento che non ho ancora trovato una posizione lavorativa che mi soddisfi e vista la voglia di fare un’esperienza rivolta la mondo del sociale ho deciso di fare domanda. In realtà il mio interesse è maturato grazie a diverse esperienze di volontariato che negli ultimi tempi mi hanno visto coinvolto con alcune associazione per aiutare e sostenere la mia comunità.

Quando sono stato selezionato ero molto felice ed ora che ho iniziato, questa esperienza mi entusiasma sempre più. Ho scelto il progetto «Giovani Marche» che consiste nel fare delle attività di promozione culturale nelle scuole (Cibo, Diritti Umani, Pace, Legalità), per far conoscere alle generazioni future agli aspetti positivi e negativi di questo mondo, in un tempo in cui spesso la società non si interessa. Questo lo facciamo attraverso degli incontri nelle classi delle scuole medie e superiori situate nella diocesi di Macerata, attraverso giochi interattivi, lezioni frontali e testimonianze.

Nei pomeriggi, invece, prestiamo servizio negli oratori della diocesi di Macerata. Come compito abbiamo quello di aiutare i ragazzi nei compiti facendo doposcuola ed organizzando attività di gioco sia educative che di svago, proponendo ai ragazzi luoghi sicuri nei quali riunirsi, dove possano passare il loro tempo liberamente allontanandoli dalla strada e quindi da possibili pericoli, dato la loro vulnerabilità.

Il mio obbiettivo per quest’anno del Servizio Civile è quello di crescere dal punto di vista culturale e sociale, ampliando le mie competenze e sperimentare che un modo nuovo è possibile.

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments