Grandi risultati per i giovani atleti delle Marche ai Campionati italiani allievi di Agropoli (Salerno). Nell’occasione più importante dell’anno per la categoria, gli under 18 conquistano cinque medaglie con una serie entusiasmante di record personali. Protagoniste le sprinter che firmano una storica doppietta nei 100 metri. La regina della velocità è ancora Melissa Mogliani Tartabini, 16enne dell’Atletica Recanati, che dopo il successo nei 60 indoor ad Ancona trionfa anche all’aperto, spinta a bordo pista dal tifo delle amiche e compagne di squadra che hanno affrontato la trasferta. Continuano i progressi per la ragazza di Potenza Picena, allenata da Alessandro Rovati, davanti a tutte in 11”90 con il nuovo record regionale abbassato di nove centesimi. Alle sue spalle Greta Rastelli (Team Atl. Marche), seconda in 11”91 e quindi con il minimo distacco. La sangiorgese, che riceve i consigli tecnici di Elisa Del Moro, esulta per un super miglioramento di due decimi netti e riscatta la delusione per la stagione invernale in cui era stata costretta a fermarsi per un infortunio.

Nei 100 ostacoli è clamorosa la prestazione di Martina Cuccù (Team Atl. Marche), 16enne di Porto San Giorgio che al debutto nella categoria si aggiudica la medaglia di bronzo con una gara fantastica. Demolito il primato regionale di tre decimi abbondanti, un’enormità, dall’atleta seguita da Elisa e Robertais Del Moro fino a 13”69 che nelle graduatorie italiane under 18 vale il settimo posto di sempre. Terzo posto anche dell’osimana Angelica Ghergo (Team Atl. Marche) nei 400 ostacoli, per ritrovare il sorriso dopo un periodo di stop. Nella stagione indoor aveva confermato il titolo dei 400 metri, adesso la finalista europea allenata da Michele Coppari riprende la sua corsa con 1’02”41. Sulla pedana dell’asta, spettacolare bronzo di Ludovica Polini (Sport Atl. Fermo) a quota 3.55, appena cinque centimetri in meno del suo recente primato regionale under 20 di 3.60 realizzato dieci giorni fa a Rieti. La saltatrice di Monte Urano, cresciuta sotto la guida di Matteo Corrina e Giorgio Berdini, precede la compagna di club Nicole Morelli solo per un paio di errori in meno alle quote precedenti.

Da applausi la gara nel triplo di Nicola Sanna (Sef Stamura Ancona), quarto a 14.58 dopo il formidabile 14.87 della qualificazione con cui il giovane allenato da Stefano Luconi si è migliorato di quasi un metro in un colpo solo, dimostrando tutte le sue qualità. In evidenza anche ben cinque posti: il lunghista Matteo Colletta (Sef Stamura Ancona) con 6.77 in finale e 6.79 nel turno eliminatorio, Francesco Piccinini (Sef Stamura Ancona) che nel peso cresce a 15.33, l’osimano Emanuele Ghergo (Team Atl. Marche) nel decathlon a 5994 punti, poi nel triplo Isabel Ruggieri (Collection Atl. Sambenedettese) che incrementa il proprio limite con 11.81 prima di saltare 11.73 in finale e la staffetta 4×100 del Team Atletica Marche con Alena Binni, Martina Cuccù, Francesca Del Gatto e Greta Rastelliin 48”64. Sempre nell’asta, settimo Matteo Masciangelo (Sport Atl. Fermo) al maschile con 3.90 in finale e 3.95 in qualificazione, invece è ottava Diletta Vitali (Sport Atl. Fermo) a quota 3.25.

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments