InclusivOpera: nuove iniziative per il progetto di accessibilità del Mof

Prima degli spettacoli del 28 luglio, 2, 3 e 4 agosto appuntamenti speciali per non vedenti e non udenti allo Sferisterio: percorsi tematici di pomeriggio e opera con audiodescrizioni e sopratitoli la sera

Per il dodicesimo anno consecutivo il Macerata Opera Festival è impegnato in progetti di accessibilità all’opera per i disabili sensoriali di tutte le età. Per gli ospiti del 2019 saranno disponibili autodescrizioni in italiano di tutte le opere, audio introduzioni in inglese, percorsi tattili riservati ai non vedenti, percorsi in Lis per i non udenti, alla scoperta del palcoscenico, del dietro le quinte, della sartoria, degli strumenti musicali, grazie alla collaborazione delle maestranze dello Sferisterio, dei professori d’orchestra della Form, degli artisti del Coro Lirico Marchigiano “Vincenzo Bellini”, la Banda “Salvadei”, del personale di sala. Il progetto InclusivOpera è realizzato in collaborazione con l’Università di Macerata, il Museo Statale Tattile di Omero di Ancona, la University of Pittsburg, l’Unione Italiana dei ciechi e degli ipovedenti e l’Ente Nazionale Sordi. Quest’anno gli appuntamenti in programma avranno luogo il 2, 3 e 4 agosto dopo la presentazione e il primo percorso “andato in scena” il 28 luglio prima della Carmen di Georges Bizet.

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments