Apiro, i Carabinieri catturano il truffatore dello specchietto

I Carabinieri della Stazione di Apiro, in collaborazione con l’Arma di Modena, hanno notificato ad un soggetto 28enne, siciliano, un’Ordinanza di Custodia Cautelare dell’Obbligo di Dimora nel suo paese d’origine, per truffa aggravata e violenza privata

Tutto è iniziato nella metà del mese di luglio con la denuncia di un’anziana di Apiro, 82enne, che, mentre stava percorrendo con la propria autovettura una strada una provinciale di quelle località, ha percepito un “colpo” alla propria carrozzeria. Dopo poco è stata invitata a fermarsi da un conducente il quale le contestava che, poco prima, l’aveva urtata con la vettura causandogli un danno allo specchietto retrovisore esterno, mostrando effettivamente un danno che quantificava in circa 200 euro. L’anziana, inizialmente incredula e riluttante, alla fine, forse per interrompere l’insistenza del “richiedente”, consegnava soltanto 20 euro.

Rivoltasi ai Carabinieri, ben consapevoli dell’’azione truffaldina in cui era incappata, gli stessi militari hanno visionato le telecamere che sono installate lungo la provinciale e, grazie alla ricostruzione puntuale della denunciante hanno individuato la vettura del truffatore. Da lì è stato facile risalire ad un soggetto che, attraverso altri accertamenti, solitamente “portato” a mettere in atto crimini del genere. Ma i militari non si sono fermati, scoprendo che l’uomo aveva “avvicinato” altro utente, pure anziano del luogo, 88enne, il quale  ha raccontato analogo episodio. A lui la truffa era costata 50 euro. Anzi, l’anziano era stato costretto a fermarsi con insistenza, concretizzando anche il reato di Violenza Privata.

L’Autorità Giudiziaria, ricevuta la segnalazione dei Carabinieri, hanno valutato la gravità dei fatti, ed emesso un’Ordinanza di Custodia Cautelare in Regime di Obbligo di Dimora. Le ricerche dell’uomo, che ha uno stile di vita itinerante, si sono interrotte nel pomeriggio di ieri in Campogalliano dove, i Carabinieri di quella località, allertati di colleghi di Apiro, gli hanno notificato la Misura Custodiale e sequestrato, preventivamente, come disposto dalla Magistratura, le somme truffate ai denuncianti, denaro che verrà presto restituito. Ora il 28enne dovrà fare rientro al suo paese d’orgine e presentarsi ai Carabinieri del luogo che vigileranno sul rispetto della Misura.

I Carabinieri raccomandano di prestare la massima attenzione e di allertare immediatamente il 112 al verificarsi di situazioni che potrebbero destare anche il minimo sospetto e denunciare sempre fatti dei quali si è rimasti vittime.

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments