Il 27 settembre a Macerata la Notte Europea dei Ricercatori

Promossa da Unimc insieme all'Univpm in contemporanea con Ancona, il centro storico si animerà con mostre, spettacoli, giochi, conferenze ed eventi per scoprire la città. La Polizia scientifica ricostruirà una scena del crimine. Tanti laboratori per bambini su giornalismo e scrittura creativa

Venerdì 27 settembre torna anche a Macerata e ad Ancona la Notte europea dei ricercatori, che si svolgerà in contemporanea in tutta Europa e coinvolgerà migliaia di ricercatori pronti ad incontrare nelle strade e nelle piazze persone di ogni età. Come lo scorso anno gli atenei delle due città marchigiane collaboreranno insieme uniti dal comune obiettivo di raccontare la passione, le scoperte e le sfide dei ricercatori attraverso mostre, spettacoli, concerti, giochi, conferenze e iniziative rivolte al grande pubblico. Sharper è uno dei progetti cofinanziati dalla Commissione Europea che si terrà simultaneamente in dodici città italiane: Ancona, Cagliari, Caserta, Catania, L’Aquila, Macerata, Napoli, Nuoro, Palermo, Pavia, Perugia, Trieste. Oggi è stato presentato il programma dai rettori Francesco Adornato di UniMc e Sauro Longhi della Politecnica in collegamento on line insieme ai rispettivi delegati per la ricerca europea Francesca Spigarelli e Gian Marco Revel.

“Oltre i muri…fino alla Luna” è il tema scelto da UniMc per ricordare due eventi di cui ricorre l’anniversario: lo sbarco del primo uomo sulla Luna e la caduta del muro di Berlino. I confini saranno oltrepassati attraverso narrazioni e intrecci multidisciplinari tra letteratura, diritto, archeologia, pedagogia. Cuore della Notte maceratese sarà piazza Cesare Battisti insieme al portico del Palazzo degli Studi.

Sul palco centrale si alterneranno i momenti più spettacolari, come il processo simulato sul cyberspazio o la dimostrazione di come gli archivi possano svelare momenti e personaggi storici quali l’allunaggio, la caduta del muro di Berlino e Leonardo da Vinci. UniMC celebra, inoltre, il bicentenario dello scrittore e poeta Theodor Fontane, il “cantore del Brandeburgo”, simbolo di unità culturale nella Germania divisa dal muro di Berlino. Ci saranno anche un’intervista speciale, quella a Pepper, il robot progettato per aiutare i docenti in aula, e un gioco a quiz per imparare l’italiano giuridico.

Il loggiato del Palazzo degli Studi ospiterà laboratori, corner informativi e performativi dedicati a letteratura, teatro, giornalismo, applicazioni divertenti degli studi latini, digitalizzazione dei documenti, ecologia e riciclaggio. Parteciperà anche la Polizia scientifica che illustrerà alcune tecniche di indagine con la ricostruzione di una scena del crimine. Due eventi itineranti porteranno alla scoperta della città. Il primo, rivolti a tutti, organizzato all’interno del progetto Ticass, prevede due tour con partenza alle 17 e alle 21; il secondo è invece rivolto ai bambini, con ritrovo presso il CreaHub alle 17. Il punto di riferimento per i più piccoli sarà il CreaHub, che ospiterà tanti laboratori per bambini: giochi d’inchiostro e ritaglio carta, scrittura creativa con i tarocchi, giocare con gli archivi.

Il vicino Palazzo De Vico ospiterà la mostra “Leggere le pietre per capire il passato”: materiali archeologici ed epigrafici per la ricostruzione degli aspetti storici e topografici delle Marche antiche. L’Istituto Confucio celebra anche quest’anno il Confucius Day con una mostra, un laboratorio di calligrafia e un laboratorio dedicato ai bambini. Presso l’European Corner verranno presentati i progetti europei Marie Słodowska-Curie attualmente attivi a UniMC (HEART, ALICE, TICASS) e il progetto FARM 2.0 finanziato all’interno del PSR Marche. Si potranno sfogliare i libri della EUM (Edizioni Università di Macerata) mentre Radio RUM (Radio Università di Macerata) trasmetterà la diretta dell’evento.

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments