Appignano, successo per Leguminaria e l’arte della ceramica

Visitatori e curiosi hanno passeggiato a migliaia per le vie del paese per tutti e tre i giorni, con un picco sabato sera e domenica a pranzo

Un successo voluto, cercato e trovato: ecco cosa è stata Leguminaria 2019. Lo dicono sorridenti all’unisono sia gli che esponenti della maggioranza che il sindaco Mariano Calamita alla sua prima edizione con la fascia tricolore, che la presidente Mariella Carnevali, alla guida della Pro Loco da tre edizioni della manifestazione che insieme al suo direttivo ha lavorato alla sua organizzazione. Visitatori e curiosi hanno passeggiato a migliaia per le vie del paese per tutti e tre i giorni, con un picco sabato sera e domenica a pranzo, raggiunto anche grazie alla musica scelta e alla presenza di tante attrattive come i mercati della ceramica ed enogastronomici, ma anche grazie alla Mostra del concorso Convivium CeramicAppignano, che in questa edizione è stato vinto dall’artista Laura Scopa, mentre il premio della giuria popolare è andato a Silvia Giuliodori e il premio under 35 a Giulia Perin.

Leguminaria è una manifestazione di qualità dagli straordinari risultati ottenuti dal lavoro di centinaia di persone. A loro va il ringraziamento di Presidente e Sindaco: e quindi grazie ai volontari (con una menzione particolare alle signore della cucina, che ogni anno cuciono circa 24 quintali di legumi) alle Associazioni Uniauser, I Legumi di Appignano, Mav – Associazione Maestri Vasai, Associazione Cacciatori, Alta Pinus Cavalieri, Corpo Bandistico Città di Appignano, ASD Mirror Sport Club, Associazione Gli Stronati, Protezione civile. Grazie anche a tutti gli assessori e consiglieri di maggioranza, ai dipendenti del Comune di Appignano della Polizia Municipale, dell’Ufficio Tecnico, dei Servizi Generali, a Daniela Zepponi per la comunicazione, ai Carabinieri della Locale Stazione di Appignano e all’Associazione Carabinieri in congedo.

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments