Macerata, Cinema d’incontro: successo per il primo appuntamento con Asmae Dachan

Domenica 10 novembre, a partire dalle ore 16, sarà la volta del film “La generazione rubata”, diretto da Phillip Noyce, con l’intervento dell’insegnante Sauro Savelli

Secondo appuntamento in vista per il “Cinema d’incontro” promosso dal tavolo associativo “La cultura dell’incontro” al Teatro Don Bosco di Macerata. Domenica 10 novembre, a partire dalle ore 16, sarà la volta del film “La generazione rubata”, diretto da Phillip Noyce, con l’intervento dell’insegnante Sauro Savelli. Ingresso gratuito e animazione per i bambini sotto i 14 anni.

L’opera affronta il tema dei bambini aborigeni australiani forzatamente allontanati dalle loro famiglie, negli anni Trenta, per volontà del Governo. Sono la cosiddetta “generazione rubata”: bambini mezzo-sangue nati dall’incrocio tra inglesi e nativi e deportati in appositi centri di rieducazione, come quello di Moon River dove è ambientata la prima parte del film.

Soddisfatti, intanto, gli organizzatori per il primo evento che ha visto la proiezione della pellicola “Io sono Lì” di Andrea Segre. Esordio per la rassegna con il filo conduttore “Costretti altrove”. Moderatrice di questo primo appuntamento è stata la giornalista, poetessa e scrittrice d’origine siriana nata ad Ancona Asmae Dachan. Insignita nel 2019 del Cavalierato dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana, 43 anni, Dachan è considerata tra più illustri esperti di Medio Oriente, immigrazione e dialogo interreligioso. 

«Il film ha mostrato la bellezza delle diversità, delle solitudini che si incontrano e si trasformano in nuove forme di compagnia – ha spiegato Dachan durante l’intervento che ha aperto il dibattito -, oggi le nostre città sono piene di persone di origini diverse che si incontrano e si sostengono a vicenda, perché quello che conta sono i sentimenti».

Promotori della rassegna “Cinema d’incontro” sono il Centro d’Ascolto e di Prima Accoglienza di via Zara, la Caritas diocesana, il Centro Missionario Diocesano, la Fondazione Migrantes, Refugees Welcome e La Goccia Onlus, con il patrocinio del Comune di Macerata.

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments