B entornati alla rubrica sportiva dedicata alla Serie A di Calcio a Cinque del Csi Macerata! La Treiese, nella settimana che precede la pausa di riposo per le festività religiose, conferma il suo ottimo momento, battendo il Serralta a Passo Treia presso la Palestra Polivalente e mantenendo la prima posizione in classifica.

Inoltre, il comitato nazionale del Csi, ha reso pubblici i loghi che accompagneranno i vari tornei sportivi nazionali dell’annata 2019-2020, i quali muovono i primi passi proprio nelle fasi provinciali che vi raccontiamo ogni settimana.

Passiamo ora alla cronaca della partita. La Treiese fa valere la sua maggiore caratura tecnica nei minuti iniziali della gara, cingendo d’assedio il Serralta, che riesce però a sopravvivere indenne alle sfuriate dei padroni di casa. I settempedani, scampato il pericolo, si portano anche in vantaggio, andando a rete con Dedja. La rete destabilizza un po’ i locali, le loro trame d’attacco si fanno più nervose e gli ospiti riescono a chiudersi con ordine e precisione. A togliere le castagne dal fuoco per la Treiese ci pensa Leonori, che livella il punteggio girando a rete un lancio lungo di Branchesi. In seguito al pareggio il match si fa più fisico, più maschio e la Treiese, pur continuando ad avere in mano il pallino del gioco, non riesce a trovare sbocchi nell’ermetica retroguardia del Serralta. I padroni di casa hanno un calo fisiologico, naturale dopo una prima frazione giocata ad alti ritmi, ma gli ospiti, pur guadagnando terreno e portandosi in attacco, peccano di lucidità nei pressi della porta avversaria, cosicché il primo tempo si chiude senza ulteriori squilli.

Il secondo tempo si apre invece con l’immediata rete di Gasparrini, abile nel trafiggere l’incolpevole Ruggeri. La reazione del Serralta è veemente ma scoordinata, ai settempedani continua a mancare la precisione nella metà campo della Treiese, che dal canto suo gioca ora con più scioltezza, ma senza il cinismo giusto per poter chiudere definitivamente la partita, che, a suo modo, rimane dunque aperta. Con il passare dei minuti la gara rischia anche d’incattivirsi, complice anche un arbitraggio che lascia correre più del dovuto; il match sembra poi chiudersi definitivamente dopo il micidiale uno-due di Leonori (tripletta per lui) ma un’altra rete di Dedja mantiene accese le speranze degli ospiti, che tentano in tutti i modi di acciuffare il pareggio, senza però riuscirci.

Matteo Montesi, nuovo allenatore del Serralta, non è chiaramente soddisfatto a fine partita: “É stata una partita rude, tirata d’ambo le parti. Ad eccezione degli ultimi minuti della gara, in cui ci abbiamo messo il cuore e l’orgoglio, la nostra prestazione del secondo tempo è stata da dimenticare. Sfortunatamente ho a disposizione una squadra senza dei veri pivot di ruolo, siamo ancora alla ricerca della soluzione giusta, ci manca un giocatore come Leonori, stasera ha fatto veramente la differenza. L’obiettivo è ovviamente la salvezza ma voglio che venga raggiunta tramite un gruppo coeso e che si diverta a stare insieme. Del resto, per il Serralta questo è quasi un anno di ripartenza, la rosa presenta alcuni elementi nuovi ed io stesso sostituisco Fabio Falsetti, l’allenatore dello scorso anno. Tutte le squadre, oltretutto, sono una scoperta per me, si tratta della mia prima esperienza nel circuito del Csi, in precedenza seguivo la prima squadra, che milita nei campionati federali.

Fabio Morichetta, allenatore della Treiese, non si fa prendere da facili entusiasmi a fine gara: “Avevamo preventivato una partita dura e così è stato infatti, il Serralta è una buona squadra. Quest’anno abbiamo avuto un po’ di difficoltà nel formare la squadra, ho perso diversi elementi esperti come Prosperi, Marchegiani e Camertoni ma siamo riusciti a trovare quattro nuovi giocatori che si stanno integrando bene, piano piano troveremo l’amalgama giusta. Non mi aspettavo di ritrovarmi da solo al primo posto in classifica dopo tre giornate, sicuramente siamo contenti ma vogliamo rimanere con i piedi per terra, senza esaltarci. Continueremo a ragionare partita per partita e giocheremo con l’obiettivo di divertirci, anzi, sono convinto che così facendo ci potremo togliere diverse soddisfazioni. Dopo la pausa inoltre ci aspetta una trasferta impegnativa contro l’Evolution, che resta la principale candidata alla vittoria finale. Per ora comunque ci godiamo il momento e la prima posizione.

E con questo è tutto! L’appuntamento si rinnova tra due settimane, con la cronaca del derby tra il Borgorosso Tolentino e le Cantine Riunite Tolentino!

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments