(VIDEO/FOTO) Derby, Castellano “rovescia” la Civitanovese. Maceratese sola al 2° posto

Continua l'inseguimento alla capolista Atletico Ascoli: quattro i punti di vantaggio sulla "Rata". La sintesi della gara nel servizio curato da Ig Sport 47

Non un gran derby, ma pur sempre il derby. Lo vince la Maceratese, sotto nel palleggio per lunghi tratti della partita, ma mai realmente in pericolo. L’inconsistenza dell’attacco della Civitanovese, che De Filippis rivoluziona tra le due metà, e gli episodi sono stati i motivi dominanti della gara. Di fatto nessuna occasione sino all’autorete di Smerilli al tramonto del primo tempo, a testimonianza di come, nonostante un pareggio fosse buono solo per l’Atletico Ascoli e per i suoi progetti di fuga, le squadre non volessero o non riuscissero ad esporsi troppo e a farsi del male.

Indubbiamente il più attivo dei ventidue in campo è stato Gabaldi, dalle sue zone vengono tutti i patemi per la Civitanovese che al 45’ capitola sotto il fuoco amico: scambio sulla destra, Mariani liberato al cross, sul secondo palo il classe 2002 tocca di coscia nella sua porta. Cambia il risultato e cambia il derby. Nessuna delle due aveva fatto intendere di avere la forza necessaria a mettere la partita su un piano inclinato favorevole: ci voleva l’episodio, prontamente servito.

In apertura di ripresa il gol capolavoro di Castellano, bellissimo, in mezzo volo, liberato da Gabaldi, suggella il doppio vantaggio: una montagna troppo alta da scalare per i rossoblù che almeno la riaprono al 31’, su rigore, con Pistelli. Non basterà, perché dopo il gol più niente.

Cinque di recupero e può esultare la Maceratese, seconda da sola a meno quattro dall’Atletico Ascoli e ancora imbattuta in casa. Può esultare anche Marinelli, sempre in discussione ma sempre in pieno controllo del timone.

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments