Il sindaco Carancini e la visita pastorale: «Un bel dono in vista del Natale»

E’ iniziata da Villa Potenza e quartiere Pace la visita pastorale a Macerata del Vescovo Nazareno Marconi. E’ un momento di ascolto tra la gente e i territori. A Macerata la visita è suddivisa in più tappe è in corso nell’Unità pastorale 2.

Sindaco Carancini, come accoglie la città di Macerata questa prima tappa della visita pastorale ? E’ un appuntamento insolito che trasmette calore. Diciamo una visita inaspettata nella vita quotidiana delle persone. Un grande impegno per il Vescovo Marconi, direi un lavoro sussidiario alle attività dell’amministrazione comunale. Considero dunque questa visita un bel dono a tutti anche in vista del Natale.

Il vescovo Marconi effetuarà visite agli ammalati, ai giovani, alle scuole. Com’è il tessuto sociale di questa zona della città? Villa Potenza e la zona Pace sono tra i quartieri più popolari della città, ciascuno con una propria identità. Io credo sia difficile poter dire quale sia il termometro sociale delle situazioni che il Vescovo andrà a visitare. Debbo dire però che tra gli obiettivi amministrativi ci siamo dati anche il compito di far vivere al meglio le piccole comunità che fanno poi l’intera ciità e credo che sia la Pace sia Villa Potenza trovino una risposta positiva in questo.

Un’area in espansione. Quali opportunità ci saranno con la riqualificazione del Centro fiere?
La riqualificazione del Centro Fiere di Villa Potenza, con un investimento di 15 milioni di euro, non è assolutamente solo il recupero di un’area ma mette insieme una serie di effetti di grande valore sociale, del lavoro e direi anche di speranza per il futuro dell’intera vallata. Con questa operazione di rigenerazione per certi aspetti si rinnova quello che accadde 60 anni fa quando venne inaugurato il Centro Fiere che era il motore di un sistema agricolo dell’intera Vallata del Potenza. Entro gennaio verrà scelta l’azienda e i lavori partiranno nel 2020 subito dopo la Raci.

Villa Potenza e lo sport: tanti input da questa periferia della città con il Volley, rugby e calcio. Villa Potenza è stata la culla del volley femminile, del rugby e della Nuova Maceratese calcio e questo vuol dire che le società anche nelle frazioni hanno la possibilità di crescere. Diciamo che lo sport a villapotenza ha dato tanto alla città ma anche l’amministrazione ha cercato di restituire attraverso impianti nuovi. Ad esempio il campo da calcio costantemente a disposizione per varie società, inoltre nel bilancio 2020 è prevista un’altra importantissima infrastruttura sportiva che sarà la nuova casa del rugby che, grazie all’acquisizione dell’area Ircer, nascerà accanto al Centro Fiere.

Teatro romano quale attrazione turistico -culturale?
Il Teatro Romano è stato fin da subito oggetto della mia attenzione sono stato eletto con l’idea di portare al Teatro Romano un’attività culturale, lo Sferisterio, la musica il teatro. C’è una volontà di farlo vivere e valorizzare come luogo di attrazione tursitica. E’ infatti inserito tra i 12 luoghi della rete museale di Macerata. Tutto questo in una visone molto netta e chiara di questa amministrazione che ha voluto valorizzare il parco archeologico come luogo in simbiosi con la natura e in sinergia con i nuovi spazi che nasceranno (centro fiere e polo del rugby) e l’asta fluviale. Un’area naturalistica ideale che penso non esista in altri posti delle Marche.

Al Vescovo Marconi una sua richiesta- riflessione in questo visita all’interno della città? Non faccio domande ma dico grazie. Paradossalmente in talune occasioni ci siamo scambiati i terreni, (non che io abbia fatto il prete!) ma in vari terreni sociali comuni siamo andati insieme e questo penso che per tenere la comunità sia l’elemento importante. Quindi è un grazie e magari auspico che questo servizio possa continuare anche oltre la chiusura del mio mandato.

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments