“Sazi e infelici”, il 21 febbraio primo incontro alla parrocchia Buon Pastore con Colombi

“La Felicità possibile” è il tema generale scelto quest’anno dagli organizzatori con l’intento di offrire a genitori, insegnanti, genitori e a quanti hanno a cuore l’educazione delle giovani generazioni spunti di riflessione sul significato profondo del termine felicità

Massimiliano Colombi

“Sazi e infelici” un titolo senza dubbio provocatorio per l’incontro d’esordio del 14° ciclo di incontri organizzati nella parrocchia “Buon Pastore” a Macerata venerdì 21 febbraio alle ore 21.15 nell’auditorium. Ad affrontarlo sarà il sociologo Massimiliano Colombi, consulente e curatore di molti progetti nazionali e locali a servizio della persona. “La Felicità possibile” è il tema generale scelto quest’anno dagli organizzatori con l’intento di offrire a genitori, insegnanti, genitori e a quanti hanno a cuore l’educazione delle giovani generazioni spunti di riflessione sul significato profondo del termine felicità.

Il consumismo ha infatti contribuito a diffondere l’illusoria percezione di una felicità a portata di portafogli, come se dal possesso di beni o dal raggiungimento di un determinato status economico e sociale possa davvero dipendere la felicità di ognuno. Eppure ogni genitore coltiva la speranza, talvolta vissuta con una certa ansia, di una vita felice per i propri figli. Allora diviene necessario domandarsi quali orizzonti di felicità praticabile e raggiungibile possano essere indicati e testimoniati da un mondo adulto che – piegato dallo stress della routine quotidiana e dalla percezione di un futuro sempre meno rassicurante –
rischia di non credere più a una felicità possibile e concretamente realizzabile.

Dopo l’appuntamento con Massimiliano Colombi è previsto un incontro con il prof.
Francesco Giacchetta, dirigente scolastico, venerdì 3 aprile con il tema “Famiglia oasi
di Felicità?” e, in concomitanza con la Festa della Famiglia, domenica 17 maggio alle
ore 15,30, il Vescovo di Macerata Mons. Nazzareno Marconi concluderà con “La
Famiglia felice tutto scusa, tutto crede, tutto spera, tutto sopporta”. L’iniziativa è organizzata dalla Rete per l’Educazione (realtà che al suo interno annovera Azione Cattolica, ACLI, AIART, Uciim, Associazione Genitori, Movimento per la Vita e per l’infanzia, CSI) e dall’Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia e della Vita della Diocesi di Macerata.

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments