Il Cosmari sta predisponendo su tutto il territorio di competenza ed in particolare nei Comuni dove effettua il servizio di igiene urbana, una sanificazione straordinaria di tutte le strade dei centri urbani. Il servizio integrato di gestione dei rifiuti è inserito tra i servizi pubblici essenziali o di pubblica utilità. A tal proposito il Cosmari, già nei giorni scorsi, ha elaborato una riorganizzazione sul territorio privilegiando l’attività di raccolta dei rifiuti e di pulizia e sanificazione dei luoghi esterni: piazze, strade e luoghi pubblici esterni. Il lavoro viene effettuato sulla base di un cronoprogramma dettato dai mezzi utilizzati e si garantisce che nei giorni a seguire saranno interessati tutti i Comuni dove Cosmari effettua il servizio di igiene urbana. Il programma verrà replicato, sulla base delle risorse disponibili, fino al termine dell’emergenza.

In particolare, dopo la chiusura dei centri di raccolta e dei centri del riuso, favorendo il
contenimento della circolazione dei cittadini, sono stati attivati i seguenti interventi:
– sono stati raddoppiati i passaggi con le spazzatrici attrezzate con erogazione di acqua
addizionata di prodotto sanificante per il lavaggio e la sanificazione delle strade e dei
marciapiedi;
– sono in attività e ulteriormente potenziate, le azioni di lavaggio manuale con idropulitrici
delle piazze e dei punti di aggregazione volatili, sempre con utilizzo di prodotti disinfettanti;
– sono state istituite due nuove squadre per il lavaggio con autobotti e prodotti sanificanti di strade e marciapiedi che opereranno sulla base di un programma elaborato dalla direzione aziendale di Cosmari e che toccherà tutti i Comuni nei quali è delegata ad effettuare l’igiene urbana. Si ricorda che tutti questi servizi sono ricompresi nelle convenzioni in atto, salvo che i Comuni non richiedano interventi al di fuori dei programmi e degli standard.

E’ bene sottolineare, ancora una volta, la professionalità e l’abnegazione di tutto il personale Cosmari che sta operando con la massima cura e spirito di sacrificio, nella consapevolezza della gravità della situazione e della responsabilità che grava su chi deve contribuire ad assolvere il servizio alla collettività in condizioni di emergenza.

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments