mercoledì, Maggio 27, 2020
Home Società Salute Coronavirus Covid-19: Ghebreyesus (Oms), “infermieri in prima linea giorno e notte sono...

Coronavirus Covid-19: Ghebreyesus (Oms), “infermieri in prima linea giorno e notte sono spina dorsale del sistema sanitario”

di Giovanna Pasqualin Traversa

”Gli infermieri sono la spina dorsale di qualsiasi sistema sanitario. Oggi, molti di loro si trovano in prima linea e giorno e notte affrontano sfide straordinarie nella battaglia contro il Covid-19”.  Lo afferma il direttore generale dell’Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus, in occasione della 70ª Giornata mondiale della salute che ricorre oggi, quest’anno dedicata agli infermieri e alle ostetriche. Il 2020 è infatti l’anno internazionale dell’infermiere, in coincidenza con i 200 anni dalla nascita di Florence Nightingale, considerata la “madre” dell’infermieristica moderna, il 12 maggio 1820. “La pandemia di Covid-19 sottolinea l’urgente necessità di rafforzare la forza lavoro sanitaria globale – prosegue Ghebreyesus – e il nuovo rapporto, ‘The State of the World’s Nursing 2020’, fornisce uno sguardo approfondito sulla componente più grande della forza lavoro sanitaria. I risultati evidenziano importanti lacune nella forza lavoro infermieristica e aree prioritarie per gli investimenti nell’istruzione infermieristica, nei posti di lavoro e nella leadership per rafforzare l’assistenza infermieristica in tutto il mondo e migliorare la salute per tutti”. Per l’Oms “i governi devono investire in una massiccia accelerazione dell’istruzione infermieristica, nella creazione di posti di lavoro infermieristici e nella leadership. Senza infermieri i Paesi non possono vincere la battaglia contro i focolai, raggiungere una copertura sanitaria universale, raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile”. Questo rapporto, conclude Ghebreyesus, costituisce “un chiaro promemoria del ruolo unico che svolgono questi professionisti e un campanello d’allarme per assicurare che ottengano il sostegno di cui hanno bisogno per mantenere sano il mondo”.  Di qui, dal suo account Twitter, l’invito a portare testimonianze e ad inviare messaggi di sostegno a questi operatori.

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments