“La celebrazione del settantesimo anniversario della Dichiarazione di Schuman arriva in un momento in cui l’Europa si trova ad affrontare la sfida più difficile dalla fine della seconda guerra mondiale: una crisi sanitaria, economica e sociale innescata dallo scoppio di Covid-19”. Lo affermano, in una lunga nota congiunta, il presidente del Parlamento europeo, David Sassoli, assieme ai leader dei gruppi politici presenti all’Europarlamento. “La Dichiarazione Schuman, che ha gettato le basi della nostra Unione europea, ha avviato un progetto politico unico per garantire pace e prosperità e migliorare la vita di tutti i cittadini europei. Già 70 anni fa la Dichiarazione Schuman conteneva l’idea che ‘l’Europa non sarà fatta in una sola volta… Sarà costruita attraverso risultati concreti creanti dapprima una solidarietà di fatto’. Questo approccio graduale ha portato all’Unione europea che conosciamo oggi”. “Sin dall’inizio, il progetto europeo ha riguardato la costruzione di una comunità politica ed economica, basata sui valori derivanti dalla nostra comune storia europea, fra cui solidarietà, apertura, libertà, tolleranza, uguaglianza nella diversità e rispetto dello stato di diritto”. Come affermava Jean Monnet, autore della Dichiarazione di Schuman, ogni crisi è un’opportunità per fare un passo avanti. “Allo stesso modo, l’attuale crisi aumenta l’urgenza per l’Unione europea di iniziare a lavorare su come diventare più efficace, democratica e più vicina ai cittadini”.

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments