Fase 2. Parrucchiere ed estetiste:simulazione per stilare il protocollo di sicurezza

Simulazione ad Ancona per parrucchiere ed estetiste per stilare il protocollo di sicurezza anticovid e riaprire il 18 maggio. Tante novitĂ .
Barriere di plexiglas non obbligatorie, ma eliminazione di alcune postazioni e posti al lavaggio, guanti e mascherina obbligatori per cliente e parrucchiere, visiera paraschizzi durante il lavaggio, sanificazione di locali, arredi, strumenti, orario esteso fino alle 21:30, appuntamento obbligatorio. SarĂ  così l’attivitĂ  di parrucchieri, barbieri ed estetiste nelle Marche, dove la Regione punta a riaprire queste attivitĂ  il 18 maggio in base ad un protocollo concordato con associazioni di categoria e autoritĂ  sanitarie.
“Secondo il Governatore Ceriscioli, sulla base della simulazione di oggi ci sono già le garanzie per la riapertura delle attività del settore benessere in tutta la regione già dal 18 maggio, o forse anche prima, ma per avere risposte ufficiali dovremo attendere ancora qualche giorno. Sarà determinante ai fini dell’emanazione del Decreto Regionale sulla riapertura il parere definitivo da parte dell’Asur, che si pronuncerà sull’esito della sperimentazione non prima di lunedì prossimo. Siamo comunque soddisfatti dei risultati ottenuti fino ad ora, che ci hanno portato ad essere apripista a livello nazionale su questa strada, una responsabilità che ci siamo voluti assumere per andare incontro alle esigenze della categoria e per contenere il fenomeno dell’abusivismo dilagante”.
Così si è espresso Rossano Trobbiani, Presidente Regionale Acconciatori Confartigianato, in merito alla simulazione svoltasi questa mattina in due attività di estetica ed acconciatura ad Ancona, per verificare se le linee indicate dal protocollo regionale fossero sufficienti alla sicurezza dei lavoratori e dei clienti di saloni di parrucchieria e centri estetici che hanno chiuso i battenti ormai da due mesi per contenere i contagi da Covid-19. Al test, al quale hanno partecipato il governatore Luca Ceriscioli, l’assessore regionale all’ Industria, Commercio ed Artigianato Manuela Bora, il direttore dell’Asur Nadia Storti, era presente per Confartigianato Marche il Segretario Regionale Giorgio Cippitelli.

“Ieri il ministro Boccia ha parlato dell possibilitĂ  di concretizzare la riapertura del settore il 18 maggio – aggunge Rosetta Buldorini, Presidente Confartigianato Estetica Macerata-Ascoli Piceno-Fermo. Come Confartigianato stiamo verificando la possibilitĂ  di anticipare ancora. Tuttavia mi preme sottolineare che non ci saranno conferme finchĂ© non sarĂ  sciolto il nodo sulla sperimentazione, che in caso positivo da parte dell’azienda sanitaria darĂ  l’operativitĂ  alle disposizioni contenute nel protocollo, a cui abbiamo lavorato insieme a Regione ed Asur”.

“Al fine di fornire alle imprese del settore benessere un’informazione certa e priva di fraintendimenti in merito ai protocolli organizzativi ed igienico-sanitari da seguire al momento della ripresa dell’attività – dichiara Eleonora D’Angelantonio, Responsabile Confartigianato Benessere – abbiamo programmato per martedì 12 maggio p.v. alle ore 15.00 una videoconferenza aperta a tutti gli operatori dei settori coinvolti, alla quale parteciperanno l’Assessore Regionale all’Industria, Commercio ed Artigianato, Manuela Bora, oltre ai Dirigenti dell’area Salute e Sicurezza del lavoro e del Servizio Industria e Artigianato della Regione Marche e dell’Asur Regionale. In quella sede saremo in grado di presentare ed illustrare le disposizioni definitive del protocollo igienico-sanitario ora in fase di approvazione, fornendo indicazioni finalmente chiare e circostanziate agli operatori. Confartigianato avrà inoltre cura di inoltrare ai partecipanti alla videoconferenza, a tutti gli operatori associati e coloro che ne faranno richiesta, i contenuti del documento igienico-sanitario approvato e valido per tutti gli operatori della Regione Marche”.

E’ possibile iscriversi alla videoconferenza “Protocollo organizzativo ed igienico-sanitario per le imprese del benessere della Regione Marche. Tutte le indicazioni operative per imprenditori e collaboratori”, attraverso il sito dell’Associazione.

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments