Servizio Civile alla Caritas, Filippo (20 anni): «Aiutare ed essere disponibile a gli altri»

«Durante questo periodo Alla domanda perché hai scelto di fare il servizio civile, con felicità ho posso rispondere, per fare una nuova esperienza, per aiutare ed essere disponibile con gli altri, e alla domanda perché proprio in Caritas perché il progetto mi piaceva di più visto che mi vedeva coinvolto con i bambini, i ragazzi e le loro famiglie, cose che già faccio da tempo nelle parrocchie della Santa Famiglia a Tolentino»

Mi chiamo Filippo ho 20 anni, vivo a Tolentino e con entusiasmo e felicità faccio parte dalla Fraternità QOHELET, un gruppo di post-cresima che dà una mano a chi ne ha bisogno. Dal 15 gennaio ho iniziato il Servizio Civile Universale presso la Caritas di Macerata e prendo parte al progetto nel settore dell’animazione culturale verso i giovani: Giovani Macerata Senigallia Recanati. Il mio progetto consiste nel fare incontri con le scuole, nelle parrocchie e dare una mano in oratorio. Durante questo periodo Alla domanda perché hai scelto di fare il servizio civile, con felicità ho posso rispondere, per fare una nuova esperienza, per aiutare ed essere disponibile con gli altri, e alla domanda perché proprio in Caritas perché il progetto mi piaceva di più visto che mi vedeva coinvolto con i bambini, i ragazzi e le loro famiglie, cose che già faccio da tempo nelle parrocchie della Santa Famiglia a Tolentino. Questa avventura per me è importante, per la mia esperienza personale e per testimoniare e far comprendere quanto sia importante l’accoglienza del diverso dove diverso è lo straniero ma anche il disabile. Spero che quest’anno possa aiutarmi a crescere personalmente e possa arricchire il mio bagaglio di esperienze.

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments