Siamo ormai alla settima edizione, e il CFF conferma la sua valenza per la città e la continuità di presenza nel panorama nazionale. Come di consueto il concorso per cortometraggi sarà il focus della manifestazione. Le 19 opere in gara verranno proiettate nelle serate del 22, 23 e 24 giugno dalle ore 22 e saranno giudicate da una giuria artistica qualificata e dal pubblico. La kermesse terminerà domenica 27 giugno con la proiezione e premiazione dei corti vincitori, a partire dalle ore 21.30.

Come per le precedenti edizioni inoltre, sono previste proiezioni di lungometraggi, incontri, momenti di confronto e intrattenimento.

Il tema portante di questa edizione è “COSA SARA’”, ovvero le prospettive e le speranze del domani, la voglia di futuro e la necessità di guardare serenamente avanti.

Non a caso, l’inno del Festival sarà proprio “Cosa sarà”, di Lucio Dalla e ogni giornata verrà scandita dai suoi versi che si aprono alla fragilità umana.

“Civitanova Film Festival è arrivato alla settima stagione e riapre i battenti il prossimo 21 giugno per una settimana all’insegna del cinema d’autore – ha detto il sindaco Fabrizio Ciarapica. Una rassegna che riscuote ampio successo, soprattutto tra i giovani particolarmente interessati all’evento, come sono tanti i giovani autori alle prese con il concorso dei cortometraggi che riscuote l’elemento di maggiore attesa e di maggior curiosità.

Il tema portante di questa settima edizione del Festival è “Cosa sarà”, frase della storica canzone di Dalla e De Gregori. È una domanda legittima, aperta a tante considerazioni ed a tante riflessioni soprattutto in questo periodo contrassegnato da un sempre più auspicato ritorno alla normalità del post Covid.

Di certo siamo ripartiti di slancio con una lunga serie di manifestazioni che investono tutta la città, eventi che abbinano lo svago alla cultura, e tra queste trova posto il Civitanova Film Festival, dove di certo non mancheranno le sorprese per il pubblico. Di questo ringrazio i due ideatori Michele Fofi e Giuseppe Barbera”.

Il CFF attraverso film, cortometraggi, libri e canzoni, parlerà anche di ambiente, rapporti umani, mutamenti sociali e, non ultima, la condizione femminile.

Questa settima edizione avrà, infatti, una forte impronta femminile: in qualità di ospiti d’eccezione avremo le autrici Silvia Alessandrini Calisti e Maria Laura Rosati, che presenteranno i loro libri “MARCHE STREGATE – VIAGGIO NELLA STREGONERIA POPOLARE MARCHIGIANA” e “DISPASSIONE”. Incontreremo le registe dei lungometraggi che verranno proiettati, Anita Rivaroli (We are the thousand – L’incredibile storia di Rockin’1000) e Francesca Mazzoleni (Punta sacra). Chiuderemo la serata inaugurale del festival con un live della nostra Serena Abrami. E saranno cinque le relatrici del CFF: Cristiana Sanchioni (docente di Filosofia e Psicologia), Claudia Santoni (docente e presidente associazione osservatorio di genere), Elisa Giusti (assistente sociale, mediatrice familiare e responsabile centro antiviolenza provinciale SOS donna), Margherita Carlini (Psicologa clinica, psicoterapeuta, criminologa forense  e responsabile dello sportello antistalking di Ancona) Francesca Della Valle (copywriter e sceneggiatrice). Inoltre Rebecca Liberati (attrice) sarà Madrina e conduttrice della serata finale, Alessandra Pierini racconterà il progetto Cronache Maceratesi Junior e Concetta Piro gestirà l’area delle interviste video.

Al parterre femminile si uniranno: l’Associazione culturale “Il laboratorio Musicale Il Palco”, che aprirà questa settima edizione con una esibizione musicale e Gianluca Marinangeli (autore), che presenterà il suo libro “La sindrome del terzo panino”. Il giovane cronista Leonardo Luchetti (CM Junior) intervisterà il gruppo Piantiamocela. Tommaso Malaisi (regista) parlerà del progetto Scenaria: “Marche una terra di scenografi” e Matteo Marino presenterà il suo libro “Film Pop anni 80”.,

L’incontro con Riccardo Pirrone, autore del libro “Taffo – Ironia della Morte” e con  Emilio Mercanti, regista del cortometraggio sperimentale “Believe in you”, chiuderanno l’edizione 2021 del Civitanova Film Festival.

In giuria ci saranno: Rosario Capozzolo (regista, autore cinematografico), Damiano Giacomelli (regista, sceneggiatore), Francesca Pierri (Critica, autrice  e conduttrice televisiva), Romina Antonelli (attrice) e Marco Mondaini (filmmaker, attore).

Un anno ricco di novità, oltre ad una giornata in più riservata alla proiezione dei corti in concorso, il Festival farà tappa anche nella città alta. Lo storico Caffè del Teatro Cerolini ospiterà le presentazioni dei libri di Maria Laura Rosati e Matteo Marino. Inoltre i nuovi amici del CFF sono la Pinacoteca Civica Marco Moretti  e il museo Magma – Museo archivio grafica manifesto. Entrambi visitabili (su prenotazione)

Anche quest’anno cercheremo di promuovere il cinema a 360 gradi, facendo ciò che è alla base del cinema stesso: racconteremo Storie.

Sin da piccolo, più che con 1000 caramelle, riuscivi a comprarmi dicendomi: Michele, vieni che ti racconto una storia”… Sono le Storie, specialmente se intime, vere e poco note, che aggiungono qualcosa al nostro vissuto. Ecco perché amiamo il cinema che racconta Storie ed è per questo che il CFF non può esimersi dal raccontare Storie” dice il nostro direttore artistico Michele Fofi. 

L’ingresso al Festival sarà gratuito. 

Si consiglia la prenotazione tramite mail all’indirizzo info@teatridicivitanova.com o al numero 0733/812936 (orario d’ufficio).

I direttori artistici del Festival sono Michele Fofi e Giuseppe Barbera

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments