di Clotilde Santhanam*

Prima di tutto mi faccio conoscere. Ho 68 anni ed appartengo alla Congregazione delle Figlie di Santa Maria di Leuca. Nel 2011 ho iniziato a collaborare con la nostra indimenticabile madre Noemi, che è ritornata alla casa del Padre dopo una lunga sofferenza causata dal cancro, il 29 agosto 2018.

Ecco vorrei iniziare questo messaggio citando il carisma del nostro Istituto: «Qualunque cosa avete fatto al piuĚ€ piccolo di questi miei fratelli l’avete fatto a me». La nostra Fondatrice, la serva di Dio madre Elisa Martinez, eĚ€ nata il 25 Marzo 1905 a Ugento – Italia. Madre Noemi Carbone eĚ€ stata una delle prime missionarie della nostra Congregazione ed era una persona che compiva la sua missione con amore e dedizione. Prima di giungere in India aveva svolto la sua missione in Belgio, America, Canada, Spagna e Portogallo. Il 31 Ottobre 1975 venne inviata a far parte della ComunitĂ  di Moondrumavadi – Madurai. La sua inculturazione fu talmente profonda, che assunse nella totalitaĚ€ lo stile di vita indiano senza badare alla salute, fino alla fine dei suoi giorni.

Soffriva moltissimo nel vedere la gente povera e senza educazione. Non si accontentò di svolgere l’apostolato che le era stato assegnato dalla Madre Fondatrice, ma ogni giorno dava il massimo di se stessa, confidando nell’aiuto del Signore, per dare conforto e aiuto anche materiale per alleviare la povertà. Cominciò a bussare le porte degli amici in Canada e col cappuccino padre Francesco da Pescara avviò l’adozione a distanza. Poi il Signore nel 1987 le fece incontrare don Rino Ramaccioni, arrivato con un gruppo italiano. Da quel giorno tramite l’Associazione Sermit e poi l’Associazione Sermir persone generose di Macerata stanno aiutando la nostra missione.

Con il loro contributo forniamo supporto educativo, scuola infermieristica, ITI, Istruzione Superiore, Istruzione Tecnica e Istruzione non formale; provvediamo alle costruzioni e ristrutturazioni di case; alla trivellazione di pozzi e a strutture per l’acqua potabile per le aree dei malati di lebbra; diamo assistenza economica per l’allevamento di capre e mucche; forniamo assistenza per macchine da cucire e kit di sartoria; distribuiamo cibo, abbigliamento, coperte, utensili per la casa; diamo assistenza matrimoniale ai figli dei malati di lebbra e assistenza medica, forniamo kit per la salute e l’igiene (sapone, materiale sanitario, polvere nutriente ecc.).

La nostra madre generale Ilaria Nicolardi mi ha affidato la responsabilità di queste missioni a Madurai. Con amore e zelo stiamo portando avanti questa opera, e il Signore che ha promesso che avrebbe mandato il Suo Spirito a guidarci nelle sue vie senza lasciarci mai sole, ci sta davvero guidando.

La situazione pandemica da un anno e mezzo ha ostacolato le attività di sostentamento e molti hanno perso il lavoro. Non abbiamo un sistema sanitario come in Europa. Chi ha soldi va all’ospedale privato e si cura. La gente povera è costretta ad andare all’ospedale governativo e non può avere una cura adeguata. Da due mesi il nostro ospedale è sempre pieno di malati affetti da Covid 19.

* religiosa, congregazione delle Figlie di Santa Maria di Leuca

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments