Alla ricerca di “strade di coraggio” verso il futuro, ogni percorso di maturazione porta i giovani a porsi delle domande. Interrogativi su se stessi, sul contesto in cui si vive, si abita, si gioisce e, sopratutto, si interagisce col prossimo. A queste, se ne aggiungono altre, ugualmente profonde, che riguardano la fede e il rapporto di ognuno con Dio. Si tratta di domande personali che, tuttavia, sono condivise anche da altri, coetanei o meno, che si affacciano sulla stesso cammino.

Una strada intrapresa da tempo dagli scout del clan “Allegrezza” del Macerata 2: «Dopo aver ragionato sulle necessità di ognuno di noi, ci siamo accorti delle nostre incertezze nell’ambito della fede – affermano -, abbiamo così deciso di intraprendere un cammino verso la scoperta del nostro Io e delle relazioni con noi stessi, gli altri e Dio. Abbiamo notato che la maggioranza delle nostre domande erano condivise all’interno del nostro gruppo e, così, ci siamo chiesti se tra gli altri giovani ci fossero le stesse perplessità».

Da questa necessità è nata la volontà di proporre l’incontro “Io e Dio” (#CarpeDeum), in programma il 23 febbraio, presso l’Auditorium San Paolo di Macerata, alle 17.30, durante il quale il vescovo diocesano Nazzareno Marconi offrirà il suo punto di vista e troveranno rispostale domande dei giovani (secondo limiti di tempo) inviata precedentemente via Facebook alla pagina dell’evento, oppure via mail (all’indirizzo clan.allegrezza.mc2@outlook.it).

vescovo copia
La locandina dell’evento
Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments