Padre Tuveri sulle orme di S. Maria Maddalena de’ Pazzi

Il volume sarà presentato a Macerata sabato 28 maggio, alle 17.30, presso la chiesa delle Vergini

S. Maria Maddalena de' Pazzi nel dipinto di Giovanni Camillo Sagrestani (XVIII secolo)

Percorrere la via dell’unione con Dio rivolgendo le proprie preghiere a Maria, “stella del cammino verso la perfezione”. Una strada che Maria Maddalena de’ Pazzi, figlia di una nobile famiglia fiorentina, ha percorso interamente. In occasione del 450° anniversario della nascita della Santa, il 2 aprile 1566, padre Gianfranco Tuveri ha realizzato un volume che ne si propone di far conoscere, più approfonditamente, il percorso mistico di quella che è comunemente riconosciuta come una grande sorella Carmelitana dell’Antica Osservanza.

72809_157196281095712_1725926907_nNato in Sardegna nel 1949, padre Tuveri è entrato giovanissimo nei Carmelitani. Attualmente risiede in Francia, a Nantes, dove ha partecipato alla riorganizzazione del suo ordine e dirige la rivista Près de la Source. La sua opera “La Santa Fiamma. Sulle orme di S. Maria Maddalena de’ Pazzi” (Editore Nerbini), che si aggiunge alla traduzione di alcune opere in francese sulla stessa Santa, descrive la storia di una “figura emblematica d’un amore vivo che rinvia alla dimensione mistica essenziale di ogni vita cristiana”. Il libro sarà presentato sabato 28 maggio, alle ore 17.30, presso la chiesa delle Vergini di Macerata.

libro tuveriA 16 anni, la Santa entrò a Santa Maria degli Angeli, in Oltrarno, il 27 novembre 1582. Il Carmelo fu il primo ad accogliere ufficialmente le donne alla professione nell’Ordine, grazie alla Bolla Cum nulla del 7 ottobre 1452, a firma di papa Niccolò V. In seguito, presso la scuola di Santa Caterina e del Savonarola, Maria Maddalena volle essere partecipe della “rinnovazione della Chiesa” dettando delle lettere, esortando e ammonendo tutte le vocazioni ecclesiali, anche ecclesiastiche verso una maggiore autenticità di vita. Inoltre, fu coinvolta, a vario titolo, nella formazione delle giovani, dal 1589 al 1607, essendo poi divenuta sottopriora dal 1604 al 1605.

Santa Maria Maddalena de’ Pazzi morì a Firenze il 25 maggio 1607 all’età di 41 anni.

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments