Dopo qualche giorno di “riposo” la Mater Misericordiae si rimette in cammino per andare in incontro ai suoi fedeli in questa seconda fase dell’Anno giubilare della Misericordia. Di strada ne ha già fatta molta ma ancora tanti sono in attesa di averla nella propria parrocchia o unità pastorale almeno per qualche giorno. In particolare è già tutto predisposto per accoglierla sabato prossimo, 25 giugno nella Vicaria di Cingoli, dove le unità pastorali 17 e 18 hanno già organizzato il programma della Peregrinatio Mariae. Le parrocchie di Troviaggiano, Villa torre, Villa Strada e San Vittore, che insieme formano l’unità pastorale n. 17, e la concattedrale di Santa Maria assunta, Moscosi, Santan’angelo e Avenale, unità pastorale n. 18, accoglieranno la grande tela per ben due settimane, da sabato 25 a sabato 9 luglio.

MaterSabato 25 giugno la Mater giungerà, come è stato per gli altri comuni della Diocesi, nella piazza principale alla presenza del vescovo Nazzareno Marconi, del sindaco e della popolazione tutta. Dopo la benedizione del Comune sarà trasportata all’interno della cattedrale per la messa celebrata dal vescovo e vi resterà fino alla mattinata di venerdì 28 quando si recherà nella parrocchia San Nicolò da Bari, della frazione di Moscosi. Mercoledì 29 sarà a Castel Sant’Angelo, venerdì primo luglio a Troviggiano, sabato 2  a Villa Torre nella parrocchia di San Pietro apostolo, mentre domenica 3 e lunedì 4 sosterà nella chiesa di San Giovanni Evangelista di Villa Strada. San Vittore la ospiterà martedì 5 luglio mentre il 6 starà nella chiesa di San Giuseppe; giovedì 7 luglio saranno i parrocchiani della chiesa dei Cappuccini ad ospitarla, mentre venerdì 8 luglio visiterà la chiesa di Santa Sperandia per far ritorno sabato 9 nella cattedrale, da dove verrà salutata e continuerà la sua peregrinatio.

«Un appuntamento, quello con Maria madre di Misericordia da non lasciarsi sfuggire per risvegliare la fede e la gioia nelle famiglie – scrive don Patrizio Santinelli, parroco della cattedrale sul bollettino mensile della parrocchia Santa Maria Assunta -. Saremo invitati ancor più alla preghiera, e a riunirci nelle nostre famiglie per riflettere e confrontarci con la Parola di Dio e tra di noi condividendo il grande dono della Misericordia che ancora una volta ci raggiunge attraverso Maria».

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments