Domande ostinate su guerra, armi e politica

La Camera ha ospitato la seconda sessione, in sede istituzionale, del percorso avviato dal Movimento dei Focolari in Italia sul commercio di armi dal nostro Paese nelle zone di conflitto. Confronto aperto con parlamentari e associazioni

Grazie al Movimento politico per l’unità italiano si è tenuto lo scorso 5 luglio, nella sala della Regina della Camera dei deputati, un seminario dibattito tra alcuni parlamentari e rappresentanti delle associazioni sulla questione della produzione e commercio di armi che vede il nostro Paese direttamente interessato nel contesto geopolitico mondiale contrassegnato da numerosi e irrisolti conflitti armati.

Colpisce in maniera particolare la vicenda delle bombe prodotte nello stabilimento di Domusnovas in Sardegna per essere inviate in Arabia Saudita, che guida una coalizione impegnata nei bombardamenti aerei nello Yemen, un conflitto passato sotto silenzio sulla stampa ma denunciato dall’Onu per le migliaia di vittime civili coinvolte.

L’iniziativa di concorrere a mettere al centro della riflessione civile e politica la questione degli affari legati alla produzione e commercio di armi è una risposta del Movimento dei Focolari in Italia alle continue e puntuali sollecitazioni di papa Francesco. Il metodo, come sempre, è quello di fare appello alla coscienza e al dialogo sostenendo chi opera da tempo su questo fronte nel segno della ricerca della pace.

Qui di seguito una cronaca dell’incontro del 5 luglio che si può rivedere sul canale video http://www.flars.net/livemppu/

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments