10 febbraio. Rinnovamento dello Spirito accoglie l’invito del vescovo Marconi

«Solo riassumendoci le nostre responsabilità di educatori ed adulti maturi e con un sincero sentimento di conversione, potremmo avere una società, più giusta e senza violenza. Grazie don Nazzareno per averci offerto, ancora una volta, un’indicazione autenticamente evangelica che dà pace al cuore e rinfranca l’anima, fa riflettere e guardare al futuro con speranza»

Riceviamo e pubblichiamo dal Cs diocesano del Rinnovamento dello Spirito Santo relativo all’invito del vescovo Marconi per la giornata del 10 febbraio.

«Come è vero che il silenzio vale più di mille parole, in questo tempo e società di personaggi in vetrina, così è vero che l’unico gesto che resta e resterà è la preghiera. Per questo, a nome di tutto il movimento ecclesiale “Rinnovamento nello Spirito Santo” della diocesi di Macerata, ringrazio il Vescovo Marconi per l’iniziativa che ha assunto, rivolta a tutti i cristiani e credenti, di pregare nelle case per le vittime, i colpevoli, Il bene dei giovani, la giustizia, la pace e la convivenza civile nelle nostre città. Cercare le ragioni di quanto accaduto, senza un personale esame di coscienza, come ci ha richiamato a fare monsignor Marconi, sarebbe ipocrita ed inutile. Solo riassumendoci le nostre responsabilità di educatori ed adulti maturi e con un sincero sentimento di conversione, potremmo avere una società, più giusta e senza violenza. Grazie don Nazzareno per averci offerto, ancora una volta, un’indicazione autenticamente evangelica che dà pace al cuore e rinfranca l’anima, fa riflettere e guardare al futuro con speranza».

Per comitato diocesano RnS
Messi M. Cristina

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments