Macerata. L’identità contadina alla riscossa: il convegno sabato 22 settembre

Il ruralista Roberto Brioschi (edizioni Altraeconomia) introdurrà l’ospite ligure d'eccezione, Massimo Angelini, antropologo, “coltivatore di idee nell'orto della vita”

Falcade-19° Campionato nazionale di sci -Diavolina Cup

L’urgenza di riconnettersi alla terra riporta in città il tema dell’agricoltura e inaugura una serie di appuntamenti dedicati ad un passato non ancora definitivamente trascorso, che ci ha plasmato e che permane carattere distintivo di un territorio ampio, dando voce a numerose generazioni di contadini e attenzione al paesaggio come sintesi dell’azione umana. Il convegno si svolgerà sabato 22 settembre alle ore 17 presso la sala Castiglioni della Biblioteca Mozzi-Borgetti di Macerata. Il ruralista Roberto Brioschi (edizioni Altraeconomia) introdurrà l’ospite ligure d’eccezione, Massimo Angelini, antropologo, “coltivatore di idee nell’orto della vita”, storico della cultura e fabbricante di lunari (editore di Pentagora), alla ricerca di una via umana all’agricoltura e, più in generale, alla bellezza.

Le parole Cultura, Humus, Bellezza saranno il pretesto per un confronto sul mantenimento in buona salute della terra e della nostra vita, e su come contribuire alla sua rigenerazione, attraverso l’analisi storica delle trasformazioni che non solo sui campi si sono verificate.
La forma umana della bellezza, terra e contadini tra agricoltura ed agriusura è un titolo che racchiude 70 anni di economia agricola e l’umanità che fa ancora fatica a leggere la grammatica del territorio. Iniziativa patrocinata dal Comune di Macerata a cura del Gruppo informale Identità Contadine maceratese.

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments