“Un pensiero speciale rivolgo ai ragazzi dell’Azione Cattolica, venuti con i loro educatori da tutte le diocesi italiane, in occasione dei 50 anni dell’Acr”. Si è concluso così l’Angelus di ieri, al termine del quale il Papa si è rivolto direttamente ai ragazzi dell’Acr: “Voi siete protagonisti nell’evangelizzazione, specialmente tra i vostri coetanei. La Chiesa ha fiducia in voi; andate avanti con gioia e generosità!”.
Il Papa ha inoltre menzionato don Alfredo Cremonesi, sacerdote missionario del Pontificio Istituto Missioni Estere, beatificato sabato a Crema: “Ucciso in Birmania nel 1953, fu infaticabile apostolo di pace e zelante testimone del Vangelo, sino all’effusione del sangue. Il suo esempio ci spinga ad essere operatori di fraternità e missionari coraggiosi in ogni ambiente; la sua intercessione sostenga quanti faticano oggi per seminare il Vangelo nel mondo. Facciamo tutti insieme un applauso al Beato Alfredo!”. Infine, un saluto e un ringraziamento ai partecipanti alla marcia “Restiamo umani”, che “negli ultimi mesi ha percorso città e territori dell’Italia per promuovere un confronto costruttivo sui temi dell’inclusione e dell’accoglienza. Grazie per questa bella iniziativa!”.

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments