Home Società Salute Salute: Gavi-Oms-Unicef, “almeno 80 milioni di bambini a rischio di malattie come difterite, morbillo e poliomielite. Covid-19 interrompe sforzi di vaccino”

Salute: Gavi-Oms-Unicef, “almeno 80 milioni di bambini a rischio di malattie come difterite, morbillo e poliomielite. Covid-19 interrompe sforzi di vaccino”

0
Salute: Gavi-Oms-Unicef, “almeno 80 milioni di bambini a rischio di malattie come difterite, morbillo e poliomielite. Covid-19 interrompe sforzi di vaccino”

di Alberto Baviera

“Il Covid-19 sta sconvolgendo i servizi di vaccinazione salvavita in tutto il mondo, mettendo milioni di bambini – sia nei Paesi ricchi che in quelli poveri – a rischio di malattie come la difterite, il morbillo e la poliomielite”. È l’allarme lanciato oggi da Organizzazione mondiale della sanità, Unicef e Gavi, l’Alleanza per i vaccini, in vista del Global Vaccine Summit del 4 giugno, nel corso del quale i leader mondiali si riuniranno per aiutare a mantenere i programmi di vaccinazione e mitigare l’impatto della pandemia nei Paesi a basso reddito. “Secondo i dati raccolti da Oms, Unicef, Gavi e Sabin Vaccine Institute, la fornitura di servizi di vaccinazione di routine – spiega una nota – è sostanzialmente ostacolata in almeno 68 Paesi ed è probabile che colpisca circa 80 milioni di bambini con meno di 1 anno di età che vivono in questi Paesi”.
Dal marzo 2020, viene rilevato, i servizi di vaccinazione di routine dei bambini sono stati interrotti su scala globale, cosa che potrebbe essere senza precedenti dall’inizio dei programmi estesi di vaccinazione (Epi) negli anni Settanta. Più della metà (53%) dei 129 Paesi in cui erano disponibili dati, ha segnalato interruzioni moderate o gravi, o una sospensione totale dei servizi di vaccinazione nel periodo marzo-aprile 2020.
Per Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Oms, “l’interruzione dei programmi di vaccinazione della pandemia di Covid-19 minaccia di vanificare decenni di progressi contro malattie prevenibili con i vaccini, come il morbillo”. “Non possiamo permettere che la nostra lotta contro una malattia vada a discapito dei progressi a lungo termine nella lotta contro altre malattie”, ha dichiarato Henrietta Fore, direttore Generale dell’Unicef. “Anche se le circostanze possono richiedere di sospendere temporaneamente alcune azioni di vaccinazioni, queste devono ricominciare il prima possibile, o rischiamo di scambiare un’epidemia mortale con un’altra”. Le campagne per il morbillo sono state sospese in 27 Paesi, quelle per la polio in 38. Almeno 24 milioni di persone in 21 Paesi a basso reddito supportati dalla Gavi rischiano di perdere i vaccini per polio, morbillo, tifo, febbre gialla, colera, rotavirus, Hpv, meningite A e rosolia a causa del rinvio delle campagne e dell’introduzione di nuovi vaccini.

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments